Categoriaprogetti_ita

SPEEED

Parini Secondo x Bienoise

2020 – ON TOUR

teaser

official music video

night version

© Davide Vergnano

SPEEED è un progetto coreografico e musicale ispirato al fenomeno della Para Para e dell’Eurobeat, diffusosi negli anni ‘90 nei club di Tokyo. 

La Para Para è uno stile di danza con un’estetica coloratissima, in cui complesse combinazioni gestuali descrivono la sovraeccitazione caffeinica della musica Eurobeat. Partendo dallo studio di video-tutorial, SPEEED prende forma adattando sequenze coreografiche dell’epoca alla musica originale scritta da Alberto Ricca/Bienoise

SPEEED è un lavoro mimetico perchè copia fedelmente la sua fonte d’ispirazione: le danzatrici in scena ti stimolano ad agire, uno schiaffo a 160 bpm ti lancia in una centrifuga di puro e genuino entusiasmo dove automobili da tuning suonano dell’Eurobeat a volume altissimo.

 

© Davide Vergnano

Here and now
We’re Running with the magic
Fighting hard for a better future

In the night
We’re shining like a fire

DANCING
DREAMING

SPEEED
by Parini Secondo x Bienoise;

Con: Sissj Bassani, Camilla Neri, Martina Piazzi, Francesca Pizzagalli
Musica: Alberto Ricca/Bienoise
Coreografia: Parini Secondo, liberamente ispirata a contenuti online
Con la collaborazione di: La Boutique dell’Autoradio Mirandola, Finizio Power Team Bologna, MasterSound Foligno, Audiogamma Hi-Fi Trento, Franco Sound Ancona

Con il supporto di: Mastronauta Omegna (VCO), Comune di Verbania, Fondazione Comunitaria VCO
Un ringraziamento speciale a: Andrea Ruschetti, Riccardo Brezza (Comune di Verbania), Scoppiati Racing Team (Verbania), MIGMA Collective, Centro Commerciale Le Isole (Gravellona Toce, VB), Giostra Esagerata F.lli Uga.  

Selected by Vetrina della Giovane danza d’autore 2022 (Anticorpi XL) and winner of Mobility Grant fund (DanzaUrbana 2022).

TOUR

  • PREMIERE 05/09/2021 – Festival DanzaUrbana, Bologna (BO)
  • 16/09/2022 – Vetrina della Giovane danza d’autore, Ravenna (RA)
  • 30/09/2022 – Spazio Materia, Prato (PO)
  • 01/10/2022 – Festival Catalysi, Cesena (FC)
  • 24-25/03/2023 – Museo MART, Rovereto (TN)
  • 12/04/2023 – Supernova Festival, Rimini (RN)
  • 15/07/2023 – AMAT, Civitanova Marche (MC)
  • 20/07/2023 – Kilowatt Festival, Cortona (AR)
  • 19/08/2023 – Operaestate B/Motion Festival, Bassano del Grappa (VI)
  • 09-10/09/2023 – Interno Verde Danza Festival, Ferrara (FE)
  • 17/09/2023 – Venere in Teatro Festival, Forte Marghera (VE)
  • 19/09/23 – Parma Moving Fest – solo cose belle, Parma (PR)
  • 23/09/2023 – Teatro Pubblico dell’Umbria, Foligno (PG)
  • 08/10/2023 – MilanOltre, Milano (MI)
  • 20/10/2023 – BOOM Cantieri Culturali, Calderara di Reno (BO) 
  • 12/11/2023 – Teatro Akropolis, Genova (GE)

do-around-the-world

with Glauco Salvo and Pier Paolo Zimmermann

2023 – ON TOUR

teaser

© Pier Paolo Zimmermann

Attraverso l’attività del salto della corda, Parini Secondo insieme a Glauco Salvo e Pier Paolo Zimmermann crea un’azione performativa e una prassi di archiviazione che accendono i luoghi per le loro caratteristiche acustiche intrinseche e velate.

© Pier Paolo Zimmermann

Lo strumento del salto della corda viene utilizzato come attivatore di eventi acustici specifici di luoghi selezionati per il loro potere risonante. Dunque il video-tutorial, solitamente destinato a sottolineare l’attività del soggetto saltante, viene invece utilizzato come evento che illumini l’ambiente, il frame in cui il salto è inserito. L’attività ginnica diventa un pretesto meditativo acustico e visivo, supportata e condotta dai sottili interventi elettronici di Glauco Salvo – scorci lirici e illusori provocati per  dirottare la percezione. 

© Pier Paolo Zimmermann

Il gruppo, a seguito di alcuni sopralluoghi, seleziona spazi che abbiano una risposta acustica interessante verso il salto della corda. Dopo qualche giorno di studio e di osservazione dell’ambiente urbano sonoro e luminoso, realizza un frammento di video descrittivo che va ad aggiungersi alla collezione in divenire che gli artisti e le artiste portano avanti da gennaio 2023: un archivio che narra i progressi tecnici nell’attività del salto di Parini Secondo e racconta la geografia del suo percorso di ricerca attraverso le ampie, statiche e sensibili inquadrature di Pier Paolo e i field recordings delicatamente alterati di Glauco e le prospettive stranianti di Pier Paolo.

A conclusione delle giornate di ricerca e studio, aprono al pubblico il dispositivo performativo ideato per portare dal vivo quello che accade nell’archivio sensibilizzando la percezione verso quello che gli spazi e gli ambienti già offrono.

do-around-the-world
di Parini Secondo, Glauco Salvo, Pier Paolo Zimmermann

Idea: Parini Secondo
Salto: Sissj Bassani, Martina Piazzi 
Field recordings e suoni elettronici: Glauco Salvo 
Video e editing: Pier Paolo Zimmermann 
Organizzazione: Margherita Alpini

Con il supporto di: Network Anticorpi XL, AMAT Marche, Culture Moves Europe, Magdalena Oettl
Altri supporti: parsec Bologna, ORA – Orobie residenze artistiche (SO), KOMMA Production (Copenhagen, DK), CSC – Centro per la scena contemporanea (Bassano del Grappa, IT), Armunia (Castiglioncello, IT), Taarnby Park Studio (Copenhagen, DK)

Produzione: Nexus Factory, Parini Secondo

© Pier Paolo Zimmermann

TOUR

  • 04/03/2023 – parsec Bologna (BO)
  • 29/05-03/06/2023 – ORA Orobie Residenze Artistiche, Sondrio (SO)
  • 07/09/2023 – Festival DanzaUrbana, Bologna (BO)

PARSEC

2017

©  Gus Bo

The prima ricerca condotta da Parini Secondo è PARSEC, uno studio sul concetto di assurdità applicato all’improvvisazione che cerca una sintesi tra il movimento e gli studi teorici fisici e filosofici. Ogni episodio di PARSEC è diverso ed è strettamente legato allo spazio in cui avviene. La parola “parsec” è un’unità di misura astronomica che viene utilizzata prima dell’anno luce: con PARSEC, Parini si misura con gli spazi che attraversa, costruendo habitat attraverso movimento, oggetti e suono e creando relazioni assurde con il luogo performativo.

PARSEC

Idea Parini Secondo
Con Sissj Bassani, Camilla Neri, Marina Piazzi, Francesca PIzzagalli ad more
Suono Livia Malossi and more
Con il supporto di Laboratorio Danza & Teatro, Katriém Cult. Ass., Ass. Ishmael & The Elephant/WeReading
©  Gus Bo

EPISODI

  • PARSEC|PARSEC for BIM! Microfestival for Children by Katriém Ass. Cult., Santarcangelo di Romagna (IT)
  • PARSEC for MAIONESE, homemade vernissage, Bologna (IT)
  • PARSEC|What happened to Old McDonald? for OPUS 1 10th International Competition for Young Choreographers, Celje (Slovenia) and Front+a Festival, Murska Sobota (Slovenia)
  • PARSEC|2001 for U.F.O. Take Off Party by Mastronauta and Migma Collective, Omegna (IT)
  • PARSEC|Ibiza for ArtistInCasa Festival, Republic of San Marino (in collaboration with We Reading)
  • PARSEC for U.F.O. Art and sound festival, Omegna (IT) with the video installation BARBARA & friends
  • PARSEC for IndiePride, Bologna (IT) in collaboraction with We Reading
©  Giuseppe Casalinuovo
© Gus Bo

ROCCO

2018

ROCCO_rOmegna Mia

© Samuel Fuscà

ROCCO nasce dalla stratificazione delle informazioni sul web, dalla continua sovrapposizione di finestre di ricerca, capaci di collegare i contesti più disparati. E’ ciò che resta del viaggio attraverso le connessioni tra materiale in rete. Le connessioni sono veicolate da link e pagine in qualche modo tra loro affini che conducono agli estremi di una ragnatela di relazioni, ampliandola e trovando collegamenti sempre più assurdi. E’ la testimonianza di una generazione estremamente individualista eppure iperconnessa. Tutti possono creare nuove relazioni e tutti possiedono quelle già presenti, come una tradizione.  

© source online – Bagno Corrado n.2 Gatteo a Mare (FC)

ROCCO sceglie di portare in scena il ballo di gruppo, come ponte tra la tradizione romagnola e quella di internet, usando coreograficamente moduli copiati da tutorial YouTube. Il ballo è un loop, nel quale ogni partecipante ha la libertà di aprire una finestra e seguirne la propria deriva, creando nuove relazioni e ampliando la ragnatela. Il ballo non è impegnativo, fa parte di una coscienza collettiva che appartiene ab origine ad ogni partecipante. E’ un ballo della massa e proprio la massa è ciò che lo qualifica, rendendolo linguaggio.

ROCCO

Idea Parini Secondo
Con Sissj Bassani, Camilla Neri, Martina Piazzi, Francesca Pizzagalli and more
Suono Livia Malossi, EDMMARO, Alberto Ricca/Bienoise
Con il supporto di Laboratorio Danza & Teatro (Cesena, IT), Mastronauta (Omegna, IT), Performact (Torres Vedras, PT), theWorkRoom (Milan, IT)
© Andrea Ruschetti

ROCCO non ha un autore: chiunque partecipi possiede il ballo.

TOUR

  • ROCCO for rOmegna Mia, Mastronauta (Omegna, IT, 2018-2019);
  • the WorkRoom (Milan, IT, 2019);
  • Performact (Torres Vedras, PT, 2019);
  • Multiplicidade (Santa Cruz, PT, 2019);
  • IndiePride (Bologna, IT, 2019).

be me

with Magdalena Öttl

2021

be me interview

© André Symann

There’s no wind in the Internet
Just clouds and windows
No wind, no wind, no wind, no wind   

There’s no me in the night we met
Where’s the sound in the words that you just said
Be me, be me 

be me 

© André Symann

be me è una performance di danza nata dall’incontro tra Parini Secondo (Sissj Bassani, Martina Piazzi, Italia) e Magdalena Oettl (Germania) durante una convivenza di 4 mesi a Essen, nell’ambito del programma KreativCampus.Ruhr. Il risultato di questo lungo periodo di residenza è un modello coreografico presentato per la prima volta il 25 marzo presso la Kunsthallen di Bochum. Ispirandosi al concetto di meme, comunemente usato come segno linguistico all’interno delle comunità online, Parini e Magdalena hanno creato un dispositivo che mette in evidenza i meccanismi di auto-organizzazione di una piccola comunità popolata da sette performer e osservata da un pubblico online. Attraverso la copia e l’imitazione, l’intera comunità è autrice della coreografia che diventa solida proprio nel momento della messa in scena.

be me
Di Parini Secondo & magdalena öttl

Performance: Sissj Bassani, Lucas Lopes, Camilla Neri, Martina Piazzi, Francesca Pizzagalli, Eliza Trefas
Musica: Alberto Ricca/Bienoise
Visual Design: Daniel Gugitsch
Supporto tecnico: Wolfram Lakaszus
Webdesign: Tommaso Gagliardi

Sviluppato tra novembre 2020 – aprile 2021 nel contesto di Kreativcampus.Ruhr Artists in  Residence International Co-Production It’s not my responsibility to get famous, un progetto di ecce  GmbH. Supportato dal Ministero della Cultura e delle Scienze dello Stato della North Rhine-Westphalia. In collaborazione con Kunsthaus Essen, Maschinenhaus Essen, Kunsthallen Bochum. Altri supporti dalla città di Essen, città di Bochum, comune di Savignano Sul Rubicone (IT) nella persona del sindaco Giovannini

Grazie speciale a: Valentina Tanni, Edoardo Sansonne, WerkStadt Takeover Pact Zollverein, Annette Wolter, Matteo  Santini, Jana Kerima Stolzer, Philipp Steffens, Cesare Biguzzi/Wereading

TOUR

  • 25.03.2021 ONLINE PREMIERE from Kunsthallen Rottstr5 www.beme.stream
  • 09-10.04.2021 Maschinenhaus Essen (DE)
  • 16.08.2021 Podere Bislacco, Savignano sul Rubicone (IT)

What Will Happen Tomorrow

A Rock Opera by Bremo and Parini Secondo

2022 – ON TOUR

teaser

2020 official video

© Eleonora Mari

Headbanging, cheerleading, distorsioni e lo-fi: questo è lo show di Bremo e Parini Secondo, una rock opera in tre atti che non ha paura di ammiccare, smaccatamente cutie e spudoratamente pop. Un sogno da stadio: tra vibrazioni infernali e sguardi taglienti, il gruppo vi fronteggia insinuando il dubbio cosa succederà domani?

© Eleonora Mari

Il nuovo progetto di Bremo e Parini Secondo gioca sull’estetica del concerto pop e sugli elementi iconici che lo caratterizzano per creare una performance nella quale i confini tra musica dal vivo e danza si sfumano fino a confondersi. 

I brani composti dal duo Bremo (Nicolò Mingolini e Sara Pizzinelli) sono parte di una nuova produzione che vede il loro approccio lo-fi prendere una forma dichiaratamente scenica e pop. Parini Secondo (Sissj Bassani, Martina Piazzi, Camilla Neri, Francesca Pizzagalli), dopo l’esperienza di SPEEED, riprende la tecnica Para Para e la adatta, trasformandola, alla synth-wave dei Bremo. La combinazione delle due formazioni realizza un sogno da stadio, con un approccio punk e fluido, tra distorsioni infernali e qualche occhiolino 😉 

What Will Happen Tomorrow è una domanda retorica che va letta sorridendo, un dubbio ancestrale che ci spinge ad agire, agire oggi.  

What Will Happen Tomorrow
A rock opera by Bremo and Parini Secondo

Con: Sissj Bassani, Nicolò Mingolini, Camilla Neri, Martina Piazzi, Francesca Pizzagalli, Sara Pizzinelli 
Musica: Bremo
Coreografia: Parini Secondo
Produzione: Glauco Salvo
mix: Alberto Ricca/Bienoise 
master: Nick Foglia 
Con il supporto di: Artaj (Cesena), Festival Scintille (Verbania) 

© Eleonora Mari

TOUR

  • 15/04/2022 Artaj Cesena IT
  • 1/05/2022 Santarcangelo di Romagna IT
  • 14/05/2022 Spazio WEBO, Pesaro IT
  • 30/07/2022 BOLLE Festivalino, Casa Madiba Rimini IT
  • 1/08/2022 Podere Bislacco, Savignano sul Rubicone IT
  • 25/08/2022 Casa Ceretti Laboratorio per l’arte, Verbania IT
  • 24/08/2022 Mastronauta, Omegna IT
  • 25/08/2022 Festival SCINTILLE, Verbania IT
  • 10/12/2022 Visioni Periferiche, Borello IT
  • 16/04/2023 Supernova Festival, Rimini IT

HIT

2024 – PREMIERE TBA

promo

teaser

© Pier Paolo Zimmermann

Parini Secondo sceglie il salto della corda come pratica atletica e come elemento ritmico per creare la sua nuova produzione – HIT.Lo spettacolo si presenta come la versione teatrale del progetto do-around-the-world.  

In una composizione elaborata insieme al musicista e ricercatore Alberto Ricca/Bienoise, la ripetitività illusoria del flusso rotatorio della corda intorno alle due danzatrici e saltatrici Sissj Bassani e Martina Piazzi diventa una spirale inesorabile che parabola il tempo dal reale al rituale.


In questo binomio sportivo-rituale, si sviluppa un percorso di sublimazione della pratica atletica in cui la ripetizione occludente si trasforma in portale evolutivo. Il passaggio dalla sfera eserciziale a quella performativa avviene discretamente e per giustapposizione, velando il percorso iniziatico che li connette che si ispira al gioco della campana nella sua versione francese – l’escargot, una griglia spiralica numerata da compiere in andata e in ritorno saltando su un solo piede.

HIT
di Parini Secondo

con: Sissj Bassani, Martina Piazzi
secondo cast: Camilla Neri, Francesca Pizzagalli
coreografia: Parini Secondo, freely inspired by online content
suono: Alberto Ricca/Bienoise
light design: Bianca Peruzzi
costumi e intrecci: Giulia Pastorelli
corde: MarcRope Milano
organizzazione: Margherita Alpini

con il supporto di: Cantieri/Network Anticorpi XL, AMAT Marche, Culture Moves Europe, Magdalena Oettl
altri supporti: MarcRope (Milan, IT), KOMMA Production (Copenhagen, DK), Armunia (Castiglioncello, IT), CSC-Centro per la Scena Contemporanea (Bassano del Grappa, IT), Taarnby Park Studio (Copenhagen, DK)
con la consulenza di: Camilla Rizzi, Lola Posani, Luigi Monteanni

Produzione: Parini Secondo, Nexus Factory

© Pier Paolo Zimmermann

premiere 2024 tba